La Marina ucraina gestirà due navi da Portsmouth

La nave da guerra entra nel porto di Portsmouth con la Spinnaker Tower sullo sfondo

Due ex navi della Royal Navy, ora in servizio con la Marina ucraina, saranno uno spettacolo frequente nelle acque al largo della costa meridionale mentre operano dalla loro nuova sede temporanea nella base navale di Portsmouth.

I cacciamine di classe Sandown, ex HMS Shoreham e HMS Grimsby, ora rinominato Cherkasy ed Chernihiv dopo essere stato trasferito in Ucraina l'anno scorso, è arrivato a Portsmouth dopo un viaggio di due giorni dalla Scozia.

Le navi faranno base a Portsmouth per il prossimo futuro mentre si preparano per le esercitazioni con la Royal Navy insieme alla Marina degli Stati Uniti nelle acque del Regno Unito, che aiuteranno l'Ucraina a capire come operare con le marine della NATO.

I marinai ucraini hanno seguito un addestramento con gli istruttori della Royal Navy del Fleet Operational Standards and Training negli ultimi 18 mesi, il che significa che sono in grado di gestire in sicurezza le loro nuove navi.

Il loro arrivo rappresenta una pietra miliare nella Maritime Capability Coalition, che aiuta la marina ucraina con formazione, attrezzature e infrastrutture, per rafforzare la sicurezza nella regione del Mar Nero. Il Regno Unito è alla guida della Maritime Capability Coalition, insieme alla Norvegia.

Alla fine, il piano è per Cherkasy (nella foto sopra e a sinistra) e Chernihiv – entrambi arrivati ​​a Portsmouth volando con la Union Jack a titolo di cortesia – per operare nel Mar Nero dopo la fine della guerra illegale e non provocata della Russia in Ucraina, liberando le mine dalle rotte marittime vitali.

"Non abbiamo detto a molte persone che le navi stavano arrivando, ma ora che sono qui saranno accolte a braccia aperte sia qui nella base navale che nella città di Portsmouth", afferma il comandante della base navale, il commodoro John Voyce. .

“Sono appena salito a bordo e i marinai sono entusiasti e positivi di essere qui nella base navale di Portsmouth, di ricevere supporto dalle aziende britanniche e di addestrarsi con la marina norvegese e reale.

“Le navi rimarranno qui per tutto il tempo necessario e noi saremo qui per supportarle. La formazione del loro personale è importante e loro possono uscire in mare e sviluppare competenze marittime”.

“Ci sono enormi quantità di miniere russe su 800 chilometri quadrati del Mar Nero e l’economia dell’Ucraina è fortemente basata sull’esportazione di grano attraverso lo stesso mare”.

Commodoro Paul Pitcher, comandante della flottiglia di superficie della Royal Navy.

“La chiave per la stabilità postbellica dell’Ucraina e la ripresa economica è il passaggio sicuro del traffico. Queste navi saranno cruciali nel fornire rotte marittime sicure per l’economia ucraina”, afferma Pitcher.

Cherkasy ed Chernihiv (nella foto in basso a sinistra) non sono attualmente in grado di tornare a casa in Ucraina poiché non possono entrare nel Mar Nero a causa dei termini della Convenzione di Montreux, che limita il passaggio delle navi militari attraverso lo stretto del Bosforo in tempo di guerra.

Navi da guerra nel porto, con Portsdown Hill sullo sfondo

Le navi, tuttavia, costituiranno una capacità fondamentale per l’Ucraina nella futura difesa delle sue coste poiché il Regno Unito cerca di supportare le capacità a lungo termine della Marina ucraina, mentre cerca di proteggere la navigazione commerciale individuando e disattivando le mine marine.

L’Ucraina ha affondato o messo fuori uso circa un terzo della flotta russa del Mar Nero dall’inizio del conflitto attraverso una serie di attacchi missilistici a guida di precisione e l’uso innovativo di droni d’attacco marittimo unidirezionale. La Royal Navy afferma che, con il sostegno del Regno Unito, l’attività dell’Ucraina nel Mar Nero ha fatto sì che, nonostante gli attacchi russi in corso contro l’oblast di Odessa, l’Ucraina abbia quasi certamente esportato più grano attraverso i suoi porti marittimi nei primi mesi del 2024 di quanto non avesse mai fatto dallo scoppio dell’epidemia. la guerra.

All'inizio di questo mese, un "centro di emergenza 999" guidato dalla Royal Navy ha rivelato di aver affrontato un aumento “senza precedenti” delle richieste di soccorso a causa della crisi del Mar Rosso. Il team dell’Organizzazione britannica per il commercio marittimo (UKMTO) si occupa di due o tre segnalazioni di attacchi e incidenti al giorno – rispetto al mese – a seguito dell’ondata di attacchi alle navi nel Mar Rosso meridionale e nel Golfo di Aden da novembre.

Continua a leggere sulla Royal Navy

Questo articolo è stato scritto e/o modificato dal team MIN con sede nel Regno Unito.

I commenti sono chiusi.

Salta al contenuto