In Focus: Sviluppo della tecnologia uomo a mare per il settore delle crociere

viene evidenziata una persona che cade dal bordo di una nave da crociera per mostrare come può funzionare la tecnologia dell'uomo in mare

La tecnologia dell'uomo in mare è un'area che attira sempre più attenzione nel settore marittimo, afferma MARSS. L'azienda, che si definisce un "innovatore tecnologico globale", sta perseguendo attivamente la creazione di un sistema uomo a mare automatizzato progettato pensando al settore delle crociere e sta lavorando alla soluzione da 14 anni.

Si tratta di una soluzione innovativa per individuare e localizzare meglio coloro che sono caduti da una nave.

Gli incidenti MOB si verificano regolarmente nel settore delle crociere. Si stima che quasi 400 persone siano finite in mare tra il 2000 e il 2020, con circa 18-20 incidenti verificatisi sulle navi da crociera in media all’anno.

Sono già stati adottati alcuni passi iniziali per ridurre il rischio di caduta in mare dei singoli individui. Nel 2010, il Cruise Vessel, Security and Safety Act (CVSSA) è stato modificato per stabilire che l'altezza delle rotaie non sia inferiore a 42 pollici, rendendo altamente improbabile che una persona normale di taglia adulta cada da una nave semplicemente sporgendosi dalla fiancata. .

Ma poiché gli incidenti continuano a verificarsi, siano essi accidentali o spontanei, le navi hanno bisogno di un mezzo per rilevare rapidamente quando e dove un individuo è caduto in acqua.

La sfida con le navi da crociera

Nel settore marittimo professionale, il monitoraggio degli incidenti MOB è molto più semplice da gestire. Le organizzazioni possono richiedere ai membri dell'equipaggio di utilizzare dispositivi indossabili che segnaleranno immediatamente se sono andati fuori bordo. Tuttavia, ciò non è possibile applicarlo alle navi da crociera, creando la necessità di diverse tecnologie in grado di rilevare immediatamente quando un passeggero cade in mare.

La parola chiave qui è immediatamente. Raramente è facile trovare una persona in mare – con condizioni del mare difficili, l'oscurità della notte (quando si verifica la maggior parte degli incidenti) e la difficoltà di cambiare la direzione di una nave – tutte cose che aggiungono difficoltà, anche se l'incidente viene rapidamente identificato. Tuttavia, sulle navi da crociera, possono passare ore, non minuti, prima che qualcuno dia l’allarme.

In questi casi, la guardia costiera/il salvataggio di emergenza deve cercare individui in enormi zone di mare, spesso fino a 5,000 miglia quadrate. È come cercare tra le onde una sola testa in un'area grande quanto il Connecticut.

C'è un motivo per cui il volo Malaysia Airlines 370, perso nel 2014, non è mai stato ritrovato. Pur avendo una buona idea di dove fosse precipitato – e nonostante le dimensioni dell'aereo – la vastità e la mutevolezza del mare oscurarono i tentativi di ricerca e ostacolarono tutti gli sforzi di recupero.

Nel tentativo di compensare questo rischio, l’industria delle crociere è tenuta a rilevare o catturare immagini di persone che finiscono in mare. La scelta di rilevare o acquisire immagini è arrivata in seguito al feedback dell'industria, che sosteneva che la tecnologia per il rilevamento non era sufficientemente matura. Ciò significa che la stragrande maggioranza delle navi da crociera soddisfa solo l’obbligo di catturare immagini di incidenti.

Di conseguenza, molti degli attuali approcci alla risposta agli incidenti con uomo in mare rimangono inadeguati. In genere, le telecamere vengono utilizzate lungo i lati di una nave, ma di solito non sono presidiate. Quando vengono segnalate persone scomparse, i membri dell'equipaggio perquisiscono la nave mentre guardano indietro attraverso ore e ore di riprese CCTV da più telecamere.

È solo quando trovano qualcosa nel filmato che viene confermato l'incidente di un uomo in mare e viene allertata la guardia costiera. A quel punto, il processo di esecuzione di una ricerca e salvataggio di successo è diventato come trovare un ago in un pagliaio.

Innovazione, standard e normative in evoluzione

Senza queste tecnologie – e con gli incidenti di uomo a mare che continuano a verificarsi anno dopo anno – le navi da crociera non sono in grado di rispondere in modo rapido ed efficace per massimizzare le opportunità di salvataggio e recupero in sicurezza.

Nel 2020, dopo quattro anni di collaborazione tra il settore delle crociere, i fornitori di tecnologia, le società di classe e gli enti di regolamentazione, è stata pubblicata la norma ISO 21195. Questo standard basato sugli obiettivi ha fornito una base di riferimento per le prestazioni dei sistemi MOB. Nello specifico, questo standard richiede che i sistemi accettabili di rilevamento di uomo in mare abbiano una probabilità di rilevamento minima del 95% e non generino più di un falso allarme al giorno.

Quindi, cosa deve cambiare con la tecnologia MOB?

Standard come questi forniscono chiarezza sul funzionamento dei sistemi, che può quindi orientare l’implementazione di nuove normative che richiedono la conformità. Vale la pena ripeterlo: meno del 2% delle attuali navi da crociera utilizza efficaci sistemi di rilevamento MOB. Tuttavia, con la possibilità di sistemi che soddisfano gli standard ISO, la necessità di normative nuove e più severe si sta rafforzando.

un pannello di controllo per mostrare come la tecnologia uomo a mare su una nave da crociera può funzionare per aiutare a rilevare tempestivamente le persone scomparse

Con questo spirito in, MARS sta attualmente lavorando ad un sistema uomo a mare automatizzato MOBtronic. Dopo aver completato le fasi uno e due degli standard, la tecnologia sarà testata su una nave durante la fase finale prima della certificazione.

Si tratta di un progresso importante, soprattutto quando il cambiamento è necessario ora più che mai. Sfruttando tecnologie altamente avanzate e basate su standard, la protezione dei passeggeri delle navi può essere accelerata, prioritaria e garantita a lungo termine.

Continua a leggere sulla sicurezza marittima e sugli sviluppi del settore per affrontare gli incidenti comuni.

Questo articolo è stato scritto e/o modificato dal team MIN con sede nel Regno Unito.

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati con *

Salta al contenuto