Le mutevoli normative giapponesi attirano i superyacht

Un superyacht è ormeggiato in Giappone con i fiori visibili in primo piano

Il Giappone, con la sua vasta costa e le abbondanti risorse marittime, sta diventando una destinazione privilegiata per i superyacht. È stato spesso definito uno stato oceanico. Essendo circondate dall'acqua, le coste del Giappone si estendono per oltre 35,000 km.

La disponibilità di infrastrutture (porti, aeroporti, stazioni ferroviarie e cantieri navali) è ampia così come il suo patrimonio. Le manifestazioni della cultura giapponese si possono trovare ovunque, dai santuari e templi ai castelli e ai tradizionali porti di pesca.

Kenta Inaba (nella foto sotto) da GMB Il Giappone ritiene che poter navigare lì tutto l'anno sia un aspetto interessante per i proprietari di superyacht e afferma che “il profilo del settore in Giappone sta cambiando. . . la proprietà di piccole imbarcazioni è diminuita. . . stiamo assistendo a una crescita del numero di motonavi possedute nella fascia dei 20-30 metri”.

Un uomo passeggia su un pontone accanto a un superyacht ormeggiato in Giappone

A parte questo, Inaba afferma che il governo giapponese ha adottato misure significative per far sentire i benvenuti i superyacht in visita.

“Il governo ha allentato le norme sull’immigrazione, le dogane e la quarantena per le navi battenti bandiera straniera e ha fornito servizi e attracco per superyacht di qualsiasi dimensione. Stanno inoltre progettando di ammodernare i porti per ospitare ulteriori posti barca per superyacht, riflettendo il loro impegno a sostenere l’industria. Anche se attualmente possiamo ospitare superyacht in visita, come ogni settore in via di sviluppo, dobbiamo tenere il passo con le infrastrutture adeguate per gli yacht più grandi”.

Regole per i superyacht in visita in Giappone

Le regole del governo giapponese sono state riviste per i superyacht registrati all'estero. Ciò ha portato cambiamenti significativi per l’industria dei superyacht in Giappone, eliminando parte della burocrazia e della burocrazia, mettendo il Giappone su un piano di parità con molte altre destinazioni di superyacht, afferma Inaba.

Tre cambiamenti chiave hanno visto l'introduzione del "Naikosen", un tipo di permesso di crociera; "nessun limite di tempo" per un soggiorno in superyacht e una crociera in Giappone; è "un pass equipaggio idoneo" per tutto il tempo in cui lo yacht è in Giappone. Quest'ultimo scade quando il membro dell'equipaggio lascia il Giappone.

Questi tre importanti cambiamenti hanno aperto le porte alla crescita del settore giapponese dei superyacht.

I proprietari di superyacht sono sempre più attratti dal Giappone, come dimostra il soggiorno prolungato di uno yacht che aveva pianificato per tre settimane ma ha navigato in sessantasei porti ed è rimasto per oltre sette mesi, dice Inaba.

Il governo ha inoltre concesso il permesso a tutte le principali compagnie di crociera di stabilire una presenza crocieristica. Detto questo, Inaba afferma che gli studi hanno dimostrato che un superyacht con dodici ospiti spenderà di più in una comunità locale rispetto a una grande nave da crociera con i suoi pacchetti di bordo tutto compreso. Inoltre, le forniture per le navi da crociera nei centri principali e da parte dei grossisti aziendali, mentre i superyacht verranno forniti nelle comunità locali lungo la costa.

Mercato del noleggio di superyacht in Giappone

Una volta che i governi capiranno appieno questo, e il reale valore economico dell’industria dei superyacht oltre ai numerosi effetti positivi sugli effetti sulle comunità locali lungo le loro coste di crociera, capiranno l’importanza di rivedere le loro normative charter, afferma Inaba.

Il mercato del charter rappresenta un’ovvia opportunità per stimolare la crescita del settore dei superyacht in Giappone e questo deve certamente essere nell’orizzonte del governo, inaba Continua.

Ci sono molti esempi che il governo giapponese può prendere in considerazione per evidenziare i vantaggi di un fiorente settore charter una volta modificate le normative. In Nuova Zelanda, Australia, Fiji e Tahiti, ad esempio, dopo notevoli pressioni da parte dell’industria, i governi hanno aperto la possibilità di noleggio di navi battenti bandiera straniera e questo ha portato ad un aumento significativo degli investimenti privati ​​nelle infrastrutture per servire queste navi. hanno sostenuto finanziariamente molte piccole imprese nelle comunità locali (forniture e manutenzione), hanno contribuito in modo sostanziale alle entrate dell’economia e il settore ha creato significative opportunità di lavoro.

“I capitani e gli armatori desiderano un livello di comfort significativo durante la crociera in nuovi territori. È importante che i superyacht in visita abbiano la certezza che riceveranno supporto per essere gestiti attraverso il processo normativo, che possano soddisfare i loro requisiti specifici e che ricevano itinerari su misura in linea con le preferenze dei proprietari”.

A fine aprile 2024, uno scandalo sui dati ha scosso il mercato giapponese dei motori marini quando IHI Corp ha ammesso che una filiale ha falsificato i dati sull'efficienza del carburante per 4,215 motori marini, comprendenti 58 modelli.

MIN ha anche recentemente riferito su come Le credenziali dei superyacht del Sud Africa stanno cambiando.

Questo articolo è stato modificato il 14 maggio 2024 per correggere l'ortografia di Inaba.

Questo articolo è stato scritto e/o modificato dal team MIN con sede nel Regno Unito.

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati con *

Salta al contenuto