La creazione della divisione superyacht rappresenta un momento cruciale per MarineMax

Un uomo sta davanti ad uno sfondo blu e una donna sta davanti ad una barca. Sono i nuovi leader della divisione superyacht di MarineMax

MarineMax sta creando una divisione di superyacht dalle sue precedenti spese folli. Le acquisizioni di Fraser Yachts, Northrop & Johnson, Fairport Yacht Management, SuperYacht Management (SYM) e Atalanta Golden Yachts fanno sì che sia diventata la più grande società di servizi per superyacht al mondo. E ora si sta cercando di capire come gestirlo. Attualmente il piano è quello di integrare e combinare aree funzionali che a loro volta – si spera – miglioreranno le opportunità per i membri del team, miglioreranno l’offerta ai clienti e manterranno la cultura e l’indipendenza dei marchi. Un compito piuttosto arduo.

Ciò deriva dalle speculazioni di questa settimana su OneWater Marine è "in trattative" per acquisire il suo più grande rivale MarineMax. I media hanno riferito che OneWater ha fatto "un'offerta tutta in contanti, 40 dollari per azione per MarineMax", ma poi si è rifiutata di commentare quelle che ha definito "voci di mercato".

Quindi, nel frattempo, per far girare la palla alla nuova divisione, le funzioni di back-office dei marchi di superyacht saranno combinate in un'unica struttura di supporto globale. Risorse umane, contabilità, finanza, legale e conformità, martech, produzione di video e immagini, business intelligence e tecnologia rientreranno tutti sotto lo stesso tetto, anche se MarineMax sottolinea che il DNA dei singoli marchi consolidati non cambierà.

La divisione sarà guidata da Daniel Ziriakus in qualità di chief operating officer e vicepresidente esecutivo, e Alessandra Nenci in qualità di chief financial officer e vicepresidente esecutivo.

Ziriakus ha trascorso gli ultimi 18 anni costruendo e ristrutturando case di brokeraggio di yacht globali (dal punto di vista del marketing). Ha lavorato con Fraser Yachts, Camper & Nicholson's International e negli ultimi dieci anni ha supervisionato l'espansione di Northrop & Johnson per diventare la più grande società di brokeraggio di superyacht degli Stati Uniti. L'azienda ha prodotto una crescita dei ricavi a due cifre anno dopo anno, aumentando al contempo la forza lavoro fino a raggiungere oltre 230 persone in tutto il mondo sotto il suo mandato (COO e poi presidente e direttore operativo).

Alessandra Nenci annovera tra i suoi trampolini di lancio il Gruppo Perini, il Gruppo Baglietto e Heesen Yachts. È entrata in Fraser Yachts sotto la proprietà di Azimut-Benetti nel 2013 ed è diventata direttore finanziario nel 2017. Nenci ha lavorato a stretto contatto con i fondatori e i leader di primari cantieri navali e marchi iconici e ha sviluppato una comprensione dei processi produttivi e del prodotto. Nei suoi 11 anni trascorsi presso Fraser, ha avuto un impatto positivo sulla crescita e sulla trasformazione organizzativa sotto la proprietà di MarineMax. 

"Con Daniel e Alessandra al timone, siamo fiduciosi nella nostra capacità di fornire un servizio e un supporto senza precedenti ai nostri clienti", afferma Chuck Cashman, chief revenue officer di MarineMax. "La creazione di la divisione superyacht rappresenta un momento cruciale per MarineMax. Questa nuova struttura non solo migliorerà l’efficienza operativa, ma rafforzerà anche il nostro impegno a mantenere le identità uniche dei nostri stimati marchi, offrendo allo stesso tempo un’esperienza cliente elevata. Dotare il nostro team degli strumenti migliori della categoria garantisce marketing superiore, tecnologia all’avanguardia e supporto eccezionale”.

Lavoro in primo piano

Responsabile dello sviluppo aziendale OEM nel Regno Unito

Southampton (ibrido)

Vetus è alla ricerca di un responsabile dello sviluppo aziendale OEM dinamico e altamente motivato da inserire nel suo team nel Regno Unito. In questo ruolo fondamentale, sarai responsabile della preparazione e dell'implementazione di un piano account completo, volto a raggiungere ambiziosi obiettivi di vendita e marketing.

Descrizione completa del lavoro »

I commenti sono chiusi.

Questa pagina è stata tradotta dall'inglese da GTranslate. L'articolo originale è stato scritto e/o modificato dal team MIN con sede nel Regno Unito.

Salta al contenuto